Si dice che la pazienza sia una virtù, in realtà è una condizione. La condizione può essere uno spazio attraversato per scelta ma anche per necessità o per costrizione. Lo spazio della pazienza può essere infinito oppure avere un limite. La derivazione latina del termine – patiens -entis “paziente” – ci parla del suo stretto rapporto con la “sofferenza”, fisica ...

Le opere d’arte hanno aspetti comuni. In ogni caso sono il frutto di un pensiero. L’immagine mentale trasformata in codice, fissata su un supporto. L’immagine, appunto, elaborata ad arte. Ma poi ci sono differenze tra arte e arte, legate al mezzo espressivo. L’arte visuale pone l’immagine complessiva di fronte al fruitore, già sviluppata nella sua interezza. Altre arti offrono al ...

Tratto originario, idea principale, forma inerente gli inizi, per Jung “immagine primordiale”, per i filosofi empiristi “sensazione primitiva che serve come punto di partenza per la costruzione psicologica di un’immagine”, per John Locke in particolare è “collezione di idee semplici che lo spirito assembla a se stesso”. L’archetipo è concetto complesso che, nei suoi molteplici significati, rinvia sempre alla genesi. ...

Firenze. Sulla soglia di casa, il volto semicoperto dalla mascherina, mi accoglie Andrej Tarkovskij jr e subito mi colpisce questa somiglianza con il nonno Arsenij Aleksandrovič Tarkovskij, il poeta, che salta una generazione, come a saldare la continuità con il passato ancora così presente tanto da manifestarsi nel corpo. Entrare nella casa che fu abitata da Andrej Tarkovskij, permettetemi, è ...

Nel 1790 la Critica di giudizio di Immanuel Kant definì l’esperienza estetica in termini di gradevole, bello, sublime e buono. A internet manca ancora una prospettiva filosofica comparabile. Forse un sistema categorico simile potrebbe essere diviso in immediato, sociale, attivista e liked. (David Carrier) Il flusso continuo di informazioni, nel sistema di comunicazione contemporaneo, crea sempre più difficoltà di comprensione ...

  Venus & Mercury è una mostra di Viviane Sassen che si è tenuta ad Amsterdam presso la Huis Marseille nel 2020. I lavori esibiti provengono da un progetto precedente, realizzato all’interno della Reggia di Versailles, poi presentato al Grand Trianon nel 2019 con il nome Visible/Invisible. La prima cosa a colpire è il titolo. Non si tratta della scontata ...

Eccoci qui, dopo decenni, a parlare ancora dei distinguo tra una fotografia significativa e una fotografia qualsiasi. Da più parti spesso ci si chiede se il fotografo è un artista oppure no. Che differenza c’è tra un’immagine pubblicata su Flickr e Instagram e un’immagine di importanza culturale? Sono domande, ormai, non solo retoriche ma, direi, banali e sconcertanti. Per chiarire ...

La riproduzione iper-reale del soggetto ritratto nel lavoro di Marzio Tamer è lo spunto da cui parte Fulvio Carmagnola, filosofo autore di numerosi saggi sull’immagine e l’immaginario, per penetrare il concetto di percezione e osservazione dell’immagine. L’analisi degli innumerevoli particolari contenuti nel quadro conduce l’osservatore a interrogarsi sul rapporto tra guardare e immaginare.   Non sappiamo se il pittore abbia ...

Un dialogo con Francesca Loprieno Francesca, riprendo il filo delle tue riflessioni sul mio lavoro e delle analogie che proponi con il tuo, nel tentativo di tracciare sentieri, seppure interrotti, di un dialogo a distanza. Mi sembra naturale cominciare dal titolo che hai scelto, che coglie perfettamente il punto d’incrocio più evidente delle nostre ricerche artistiche: la poetica della frontiera. ...

Un dialogo con Marco Barbon Uno sguardo meditativo apre lo scenario del tuo teatro all’infinito spazio del Mediterraneo. Uno spazio poetico che si dirige verso un universo sospeso tra l’attraversamento e la stasi dei luoghi che vivi. Nei tuoi lavori le frontiere abbandonano la materialità delle norme per dirigersi verso una condizione “spazio-temporale” piuttosto immaginata che constatata. L’obiettivo si posa ...